lunedì 13 febbraio 2012

Le pliche sinoviali

Le pliche sinoviali rappresentano i residui delle sepimentazioni embrionarie che, successivamente, vanno incontro a riassorbimento più o meno completo. Le pliche sono: la plica medio-patellare, la plica infrarotulea o del legamento sospensore del corpo di Hoffa, la plica soprarotulea o dello sfondato quadricipitale e la plica laterale, che possono ritrovarsi singole o associate tra di loro tramite bande di tessuto di connessione.

Le pliche sinoviali sono componenti anatomiche presenti normalmente nella cavità articolare che tuttavia, infiammandosi, e quindi aumentando di spessore e perdendo le loro caratteristiche elastiche, possono essere responsabili di sindromi dolorose sia acute sia croniche.

La plica più frequente è quella mediopatellare con una sintomatologia tipica di dolore sul versante interno del ginocchio che le prime volte si manifesta nelle giovani pazienti (età di 12-14 anni) dopo attività fisica; successivamente con la comparsa della condropatia si presenta anche versamento articolare di vario grado ed il dolore persistente anche durante le normali attività quotidiane.

L’esame strumentale principe per la diagnosi è la risonanza magnetica (RM) che permetterà non solo di vedere la plica, ma anche di documentare il segno indiretto caratteristico di patogenicità, rappresentato sostanzialmente dalla condropatia dovuta all’insulto meccanico che la plica esercita sulla cartilagine articolare corrispondente.

Il trattamento delle forme iniziali consiste nel riposo, ghiaccio, terapia con fans e trattamenti fisioterapici (laserterapia) e, nei casi più avanzati nei quali il dolore è cronicizzato, la terapia è quella chirurgica artroscopica.


Flogosi cronica con ispessimento della plica mediale


Con ginocchio flesso a circa 45°, evidente conflitto meccanico tra plica mediana e condilo femorale medio


Voluminosa plica sinoviale sovrarotulea mediale 


11 commenti:

  1. buona sera,
    sono in lista d'attesa per la risonanza magnetica, ma sospetto che l'infiammazione della plica sia proprio quel che mi affligge. Esistono indagini non strumentali alle quali potermi sottoporre, visto che la lista d'attesa è lunga e vorrei iniziare una terapia, perchè il dolore è davvero forte? Grazie, Ruggero

    p.s. non ho altre malattie concomitanti e ho 43 anni. Sono normopeso e non faccio sport.

    RispondiElimina
  2. Caro Ruggero,
    in alternativa alla risonanza potresti effettuare un'ecografia presso un radiologo veramente esperto in questa tecnica.

    Per quanto riguarda, invece, la terapia se hai già provato la terapia medica e fisica ti consiglio di provare quella infiltrativa.

    Saluti,
    Dott. Leonardo Donati

    RispondiElimina
  3. salve dottore,
    ho effettuato l'ecografia ed effettivamente il radiologo ha riscontrato l'infiammazione della plica mediopatellare. Il dolore è abbastanza forte e compromette molte attività che prima svolgevo quotidianamente senza problemi.
    Sarei, quindi, interessato a risolvere in fretta il problema e sono incuriosito dalla terapia infiltrativa a cui ha accennato. Potrebbe darmi maggiori informazioni? Quante sedute sono necessarie? è una cosa dolorosa?
    Cordiali saluti,
    Ruggero

    RispondiElimina
  4. Caro Ruggero,
    l'infiltrazione consiste nell'iniettare con un ago all'interno del ginocchio delle sostanze medicamentose; nel tuo caso, inizierei con del cortisone deposito per togliere il dolore e, successivamente, con dell'acido ialuronico per mantenere il risultato raggiunto.
    Le sedute necessarie sono circa tre con frequenza settimanale.

    Saluti,
    Dott. Leonardo Donati

    RispondiElimina
  5. Salve dottore,ho il medesimo problema e vorrei kiederle se con le infiltrazioni si risolverà il problema o si potrebbe andare incontro a recidività?grazie

    RispondiElimina
  6. Andate dal fisoterapista a cercare soluzioni non chirugiche, che non solo sono auspicabili ma anche possibili nella maggio parte dei casi... !!! La disfunzioni femoro-rotulee si correggono a partire dalle disfunzioni del movimento, cioè correggendo tutti i difetti del movimento dovuti a scarsa "attenzione" nel muoversi, difetti di allineamento o di forza muscolare, non con le punture o col bisturi..!!

    RispondiElimina
  7. Buonasera Dottore,

    sono un ballerino di tango argentino e mi è stata diagnosticata la seguente patologia tramite una risonanza magnetica:
    Non segni di rottura a carico dei menischi.
    Possibile sindrome della plica sovra- e medio-patellare se compatibile con la clinica.
    Cisti di Baker con segni di rottura. Modesto versamento articolare.
    Encondroma del plateau tibiale estemo.

    per me è un problema molto grave in quanto non posso più lavorare.
    con questa diagnosi, cosa posso fare? pensa che l'agopuntura può aiutare? Quanto tempo ci vuole per guarire, e si guarisce completamente?
    Grazie mille per la sua preziosa disponibilità.

    RispondiElimina
  8. Salve dottore , sono stato operato da qualche giorno al ginocchio con diagnosi:plica sinoviale..ma praticamente cosa mi avrebbero fatto? Spero mi possa dare altre indicazioni

    RispondiElimina
  9. Salve dottore, ne approfitto per spiegare la mia situazione.
    Un mese fa, a seguito di un allenamento ( sono un maratoneta), ho accusato un dolore nella zona lcm e per precauzione, visto che quell'area era dolorante, mi son fermato per una settimana alternando ghiaccio e dicloreum 2 volte al giorno. Dopo una settimana ho ripreso con cautela gli allenamenti dato che il dolore era scomparso ma al 2° km ho accusato nuovamente dolore. Questa volta però ho fatto una ecografia muscolotendinea e dalla stessa ha avuto esito positivo. Per precauzione però ho stoppato nuovamente gli allenamenti per un'altra settimana. All'indomani della 3 settimana il dolore era scomparso e durante l'allenamento tutto sembrava andare per il verso giusto finché al 10° km accuso un fastidio nella zona della rotula, più precisamente verso il tendine femorale. Preoccupato mi fermo nuovamente per altre 2 settimane e noto con estrema preoccupazione che il ginocchio emette uno schiocco in 2 movimenti specifici:in piedi torcendo il busto e tenendo il piede saldo a terra schiocca nella zona adiacente al lcl e quando son seduto, ruotando la gamba da 90° a 180° schiocca nella zona del tendine femorale. Ho fatto una visita fisiatrica e non è risultato nulla... Tra 10 giorni ho la rmn...in attesa di quedt' ultimo esame. Secondo lei, che cosa ho? Tengo a precisare che ho dolore quando schiocca
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
  10. Errata/corrige intendevo dire che NON ho dolore quando schiocca

    RispondiElimina
  11. Egreggio Dottore Sono stato operato circa un mese fa di rimozione della plica sinoviale dopo un mese avverto ancora scrocchi interni come se fosse che la rotula si bloccasse facendo fatica a muoversi è normale? ho effettuato una rmn e una tc a strati sottili nella quale risulta versamento retro rotuleo e frammenti ossi accompagnati da irregolarità della plica ipertrofica come è possibile? sarà la cicatrice? perchè ho ancora problemi? il mio ortopedico mi dice di fare rinforzo muscolare a me sembra strano che solo con questo possa passare mia dia un consiglio sono molto abbattuto è da 6mesi che questa patologia mi affligge ed ho paura di non uscirne più
    cordiali saluti

    RispondiElimina